Metodo
L'armonica diatonica
Prima di iniziare...
Impugnatura
Singole Note
Posizioni e Tonalità
Respirazione
Il Bending
I Primi Brani
Strumenti didattici
Paper Generator
Audio

 Partiture e Spartiti
Scarica le partiture
Inserisci la tua

 Armonica Cromatica
La prima cromatica
Quali metodi
La CX 12 della Hohner
L'armonica classica
Introduzione
Willi Burger

 Armonica Tremolo
Le Armoniche Tremolo
Introduzione
Tabelle Accordature
Accordature

 Manutenzione
Prima di iniziare...
Attrezzi
Pulizia
Accordatura
Sostituzione ance

 Sondaggi
Quali sono le tue armoniche
preferite ?

Tombo Suzuki
Hohner Huang
Hering Altre


    Era il lontano 1821 quando un sedicenne Christian Friedrich Buschmann, registrò il suo primo brevetto europeo per la sua più grande invenzione : "aura".
    Era uno strumento ad ance in acciaio accordate cromaticamente e fissare orizzontalmente su piccole incanalature ricavate su una piastra anch'essa in acciaio.

    Buschmann descrisse la sua invenzione così : "un nuovo strumento semplicemente straordinario. Nella sua interezza misura 4 inches di diametro... ma è possibile ottenere venti note e tutte dal 'pianissimo' al 'crescendo' senza avere bisogno della tastiera, armonia di sei toni, e abilità di poter tenere una nota tanto a lungo quanto lo si desidera".

    Il progetto iniziale di Buschmann fu ampiamente imitato da molti, i quali apportarono molte modifiche e migliorie. Un liutaio della Bohemian, Richter, fu il primo ad intervenire con delle importanti modifiche sul progetto iniziale. Intorno al 1826 ebbe una idea che modificò considerevolmente la struttura, cioè creò due porta ance separate, una per le note soffiate e l'altra per quelle aspirate, disposti simmetricamente come per le attuali armoniche.
     Inoltre per l'accordatura usò una scala diatonica che da quel momento diventò lo standard per quella che venne di lì in seguito chiamata "Mundharmonika" o anche armonica a bocca.

    Fu nel 1857, che l'evoluzione dell'armonica ebbe una definitiva e profonda svolta. Un tedesco dal nome Matthias Hohner, principalmente con l'aiuto dei suoi familiari, decise di dedicarsi ad una seria e professionale realizzazione commerciale dello strumento. Il primo anno ne produsse 650 unità. Di li a poco organizzò una vera e propria azienda per lo sviluppo in serie, riuscendo in poco tempo, ormai abile uomo d'affari, ad inserirsi bene nel mercato con la produzione di diversi modelli con cover di varia rifinitura.

    Nel 1862, ci fu la svolta definitiva, infatti riuscì a approdare anche nel Nord America, creando così un impero dal nome appunto Hohner. Già nel 1887 la produzione annuale ammontava a più di un milione di armoniche.

    Oggi la Hohner produce oltre 120 modelli differenti con una grande varietà di stili ed accordature, tra diatoniche e cromatiche, dando così la possibilità a tutti i musicisti di potersi esprimersi liberamente in base ai diversi generi musicali, dal Jazz al Blues, dal Country al Rock.



Armonica in tutte le lingue
FRANCIA harmonica de bouche
INGHILTERRA mouth organ, mouth harmonica
USA, CANADA mouth harmonica, harmonica, harp
GERMANIA harmonika, mundarharmonika
PORTOGALLO gaita
SPAGNA armónica de boca
DANIMARCA mundharmonika
BELGIO mondharmonica
 Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le nostre news.

Forum


 Community

HarpBlog

Chat
Forum
Guestbook
Archivio NewsLetter
Calendario Concerti
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Glossario
Domande frequenti
Le vostre lettere
Armonica sul Web
Siti amici
Harmonica Games
Download
Foto
Video

 Gli Strumenti
Armoniche a confronto
Microfoni
Gli amplificatori
Accessori
Harmonica Shops

 Custom Harp
Custom by Plunz
Custom by De Simone
Custom by G & G
Custom by Manganelli

 Uomini e Storia
La storia dell'armonica
Armonicisti
Foto
Gli stili
Recensioni CD e Libri
Discografia
Sound Sample
Vintage



DoctorHarp dal 2000 © Sichelia.Net - PI: 04844510828 - Tutti i diritti
E' vietata la riproduzione dei contenuti presenti in queste pagine anche se parziale.