Metodo
L'armonica diatonica
Prima di iniziare...
Impugnatura
Singole Note
Posizioni e Tonalità
Respirazione
Il Bending
I Primi Brani
Strumenti didattici
Paper Generator
Audio

 Partiture e Spartiti
Scarica le partiture
Inserisci la tua

 Armonica Cromatica
La prima cromatica
Quali metodi
La CX 12 della Hohner
L'armonica classica
Introduzione
Willi Burger

 Armonica Tremolo
Le Armoniche Tremolo
Introduzione
Tabelle Accordature
Accordature

 Manutenzione
Prima di iniziare...
Attrezzi
Pulizia
Accordatura
Sostituzione ance

 Sondaggi
Quali sono le tue armoniche
preferite ?

Tombo Suzuki
Hohner Huang
Hering Altre


A-F G-P Q-Z

    In questa sezione descriviamo alcuni dei termini e dei concetti più usati in musica ed in particolar modo nel gergo degli armonicisti. In alcuni di essi troverete un link per gli eventuali approfondimenti. Se volete suggerirci un vostro termine lo potrete fare cliccando qui.


Scala blues

Scala usata comunemente nel blues e corrisponde ad una pentatonica minore. E' una scala con la 5° bemolle (1-3b-4-5b-5-7b-8 cioè ad esempio : DO-MIb-FA-SOLb-SOL-SIb-DO)

Scala country

Usata nella musica blues, country, folk e nel pop è una scala pentatonica maggiore. Corrisponde ai seguenti intervalli di note : 1-2-3-5-6-8 (ES. DO-RE-MI-SOL-LA-DO)

Scala cromatica

E' la scala che comprende tutti e 12 semitoni dei quali sette sono diatonici e cinque cromatici. All'ascendere si usano i # mentre al discendere i bemolli. (es. DO DO# RE RE# MI FA FA# SOL SOL# LA LA# SI).

Scala diatonica naturale

Si compone di 8 note in cui l'ultima è uguale alla prima. La scala maggiore (DO RE MI FA SOL LA SI DO detti anche 1° grado, 2° grado, 3° grado, ecc sino all' 8° grado) per esempio è una scala diatonica. Questa scala inoltre può essere di modo maggiore o minore. Maggiore se è formata da cinque toni e due semitoni, disposti nel seguente ordine : due toni - un semitono - tre toni - un semitono.
La scala Minore può essere invece di tre tipi: Naturale, Armonica e Melodica.
La Naturale detta relativa o somigliante minore, è formata dagli stessi suoni della scala maggiore. Ha come base (primo suono) il sesto grado del modo maggiore (es. se la scala maggiore è in DO la minore naturale è in formata dalle stesse note ma parte dal LA).
La scala minore Armonica inizia innalzando di un semitono il 7° grado della scala minore naturale (SOL#), quindi risulta : un tono - un semitono - due toni - un semitono - un tono e mezzo - un semitono.
La scala minore Melodica è formata pure da 5 toni e 2 semitoni diatonici; questi ultimi si trovano all'ascendere tra il 2° e 3° grado e tra il 7° e 8° al discendere, come nella scala minore naturale.

Semitono e tono

Il semitono è l'intervallo più piccolo del nostro sistema musicale e risulta dalla successione di due suoni consecutivi. Esso può essere diatonico o cromatico. E' diatonico il semitono che passa fra due suoni consecutivi di nome diverso (DO# RE ecc). E' cromatico il semitono che passa fra due suoni consecutivi dello stesso nome, di cui uno alterato (DO DO# ecc).
L' unione di due semitoni consecutivi di cui uno diatonico e l'altro cromatico o viceversa, forma il tono (DO DO# RE ecc)

Staccato

Un punto posto sopra la nota su un pentagramma, produce uno staccato, cioè l'opposto al legato. Questa indicazione toglie alla nota metà del suo valore conservandolo in pausa.

Straight Harp

Corrisponde alla prima posizione. [approfondimenti]

Tonalità

Per tonalità si intende il risultato della naturale tendenza dei suoni verso un punto di riposo stabilito prima, detto base o tonica. Possono essere di due tipi: maggiori e minori. Le relazioni armoniche che formano la scala diatonica, costituiscono altresì la tonalità. Essa si manifesta nei suoi suoni essenziali, cioè il modo maggiore che vuole maggiore la sua terza, ed il modo minore che la vuole minore, mentre la 2° la 4° e la 5° sono immutabili, la 6° e la 7° ascendente, talvolta, sono maggiori.

Tongue Blocking

Il Tongue Blocking è quella tecnica che permette di suonare le note singole con l'ausilio della lingua. Cioè con la bocca si prendono più fori contemporaneamente e con la lingua si cerca di coprire più fori per farne suonare uno o due come nel caso di ottave. Questa tecnica è consigliata solo a chi ha già acquisito una buona precisione nel suonare a note singole corrugando le labbra.


A-F G-P Q-Z
 Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le nostre news.

Forum


 Community

HarpBlog

Chat
Forum
Guestbook
Archivio NewsLetter
Calendario Concerti
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Glossario
Domande frequenti
Le vostre lettere
Armonica sul Web
Siti amici
Harmonica Games
Download
Foto
Video

 Gli Strumenti
Armoniche a confronto
Microfoni
Gli amplificatori
Accessori
Harmonica Shops

 Custom Harp
Custom by Plunz
Custom by De Simone
Custom by G & G
Custom by Manganelli

 Uomini e Storia
La storia dell'armonica
Armonicisti
Foto
Gli stili
Recensioni CD e Libri
Discografia
Sound Sample
Vintage



DoctorHarp dal 2000 © Sichelia.Net - PI: 04844510828 - Tutti i diritti
E' vietata la riproduzione dei contenuti presenti in queste pagine anche se parziale.